Separazione dei coniugi, assegnazione della casa familiare ed affidamento dei figli

Egregio avvocato, il quesito che le sottopongo è questo. Mia moglie vuole chiedere la separazione ed il problema più grosso che ancora non abbiamo risolto riguarda la casa, che appartiene esclusivamente a me. Il punto è che abbiamo un figlio di 11 anni che sarà affidato alla madre, cosi’ mi pare dica la legge; mia moglie, che pure lavora, vorrebbe continuare ad abitare assieme al bambino nella casa dove tutt’ora viviamo. Io, secondo mia moglie, dovrei trasferirmi altrove, anche se sono il proprietario della casa. Non voglio certamente mandare via di casa mia moglie e mio figlio, ma io non saprei dove andare ad abitare, considerato che se dovessi pagare il mantenimento a mia moglie e mio figlio, sarebbe difficile sostenere anche un affitto. Che soluzioni si prospettano in questi casi? Grazie. Roberto

Risposta: quello dell’assegnazione della casa familiare (ovvero la casa in cui si svolgeva la vita della famiglia quando questa era unita) è spesso l’aspetto in cui si verificano i maggiori attriti per i coniugi, poiché il coniuge estromesso – soprattutto quando sia il proprietario esclusivo o unico dell’immobile – viene fortemente penalizzato; molto spesso l’assegnazione della abitazione si traduce in una espropriazione se non definitiva, destinata a perdurare per molti anni.




Vediamo, pertanto, di esporre sinteticamente come viene regolato oggi l’istituto dell’assegnazione della casa coniugale.

La norma di riferimento è l’art. 155 quater aggiunto al Codice Civile dalla Legge 54/2006(sull’affido condiviso) . Questa norma, rubricata come “assegnazione della casa familiare e prescrizioni in tema di residenza” stabilisce che “il godimento della casa familiare è attribuito tenendo prioritariamente conto dell’interesse dei figli. Dell’assegnazione il giudice tiene conto nella regolazione dei rapporti economici tra i genitori, considerato l’eventuale titolo di proprietà. Il diritto al godimento della casa familiare viene meno nel caso che l’assegnatario non abiti o cessi di abitare stabilmente nella casa familiare o conviva more uxorio o contragga nuovo matrimonio. Il provvedimento di assegnazione e quello di revoca sono trascrivibili e opponibili a terzi ai sensi dell’articolo 2643. Nel caso in cui uno dei coniugi cambi la residenza o il domicilio, l’altro coniuge può chiedere, se il mutamento interferisce con le modalità dell’affidamento, la ridefinizione degli accordi o dei provvedimenti adottati, ivi compresi quelli economici”.

L’interpretazione oggi data alla norma dalla Corte di Cassazione è quella secondo cui il diritto all’assegnazione della (ex) casa coniugale spetta al genitore con cui convivono i figli minorenni o maggiorenni non autonomi conviventi e ciò indipendentemente dal fatto che sia o meno titolare di un diritto reale o personale di godimento sull’immobile.

Lo scopo della norma è quella di assicurare una pronta e conveniente sistemazione della prole incolpevole del fallimento del matrimonio e di impedire che questa, oltre al trauma della separazione dei genitori, abbia a subire anche quello dell’allontanamento dall’ambiente in cui vive ed infine di favorire la continuazione della convivenza tra loro.

Attualmente la Corte di Cassazione ha ribadito più volte questa rigida interpretazione della legge, escludendo il diritto all’assegnazione della casa familiare laddove non vi siano figli minorenni o maggiorenni non autonomi ed annullando tutte quelle interpretazioni estensive della norma che tendevano a riconoscere il diritto all’assegnazione della casa anche a favore del coniuge economicamente più debole, pur in assenza di figli, privando della proprietà il titolare del bene.

La giurisprudenza maggioritaria nega appunto questa possibilità sul presupposta che il diritto del coniuge proprietario del bene subirebbe una limitazione eccessiva, in contrasto con l’art. 42 comma 2 della Costituzione, in quanto egli ternerebbe in possesso dell’abitazione solo in caso di decesso dell’altro coniuge, o di sue nuove nozze.

L’assegnazione della casa familiare (che se non diversamente specificato comporta automaticamente anche l’attribuzione del possesso di tutti i mobili) costituisce una facoltà di godimento qualificata come “diritto atipico personale“, che, pertanto, non priva il proprietario dell’immobile della disponibilità del suo diritto dominicale. Da ciò derivano alcune conseguenze: secondo un costante orientamento giurisprudenziale l’assegnazione comporta l’accollo di tutti gli oneri condominiali ordinari a carico del coniuge assegnatario; mentre le spese straordinarie continuano a gravare sul proprietario; su quest’ultimo continuerà a gravare anche l’ICI. Le eventuali rate di mutuo preesistente sull’immobile continuano ad essere di competenza del coniuge che si è accollato il mutuo, salvo diversi accordi tra i coniugi.

Per quanto riguarda l’affidamento dei figli: questo consistente nell’obbligo di custodia dei figli inteso come obbligo per ciascun genitore di provvedere a tutto ciò che occorre per garantire una esistenza civile e dignitosa ai figli. Con la legge 54/2006 è stato introdotto il c.d. affido condiviso; la disciplica dell’affido condiviso è contenuta nell’art. 155 del codice civile, come modificato dalla legge n. 54, che così recita:

“Art. 155. – (Provvedimenti riguardo ai figli) – Anche in caso di separazione personale dei genitori il figlio minore ha il diritto di mantenere un rapporto equilibrato e continuativo con ciascuno di essi, di ricevere cura, educazione e istruzione da entrambi e di conservare rapporti significativi con gli ascendenti e con i parenti di ciascun ramo genitoriale.
Per realizzare la finalità indicata dal primo comma, il giudice che pronuncia la separazione personale dei coniugi adotta i provvedimenti relativi alla prole con esclusivo riferimento all’interesse morale e materiale di essa. Valuta prioritariamente la possibilità che i figli minori restino affidati a entrambi i genitori oppure stabilisce a quale di essi i figli sono affidati, determina i tempi e le modalità della loro presenza presso ciascun genitore, fissando altresì la misura e il modo con cui ciascuno di essi deve contribuire al mantenimento, alla cura, all’istruzione e all’educazione dei figli. Prende atto, se non contrari all’interesse dei figli, degli accordi intervenuti tra i genitori. Adotta ogni altro provvedimento relativo alla prole.
La potestà genitoriale è esercitata da entrambi i genitori. Le decisioni di maggiore interesse per i figli relative all’istruzione, all’educazione e alla salute sono assunte di comune accordo tenendo conto delle capacità, dell’inclinazione naturale e delle aspirazioni dei figli. In caso di disaccordo la decisione è rimessa al giudice. Limitatamente alle decisioni su questioni di ordinaria amministrazione, il giudice può stabilire che i genitori esercitino la potestà separatamente.§
Salvo accordi diversi liberamente sottoscritti dalle parti, ciascuno dei genitori provvede al mantenimento dei figli in misura proporzionale al proprio reddito; il giudice stabilisce, ove necessario, la corresponsione di un assegno periodico al fine di realizzare il principio di proporzionalità, da determinare considerando
1) le attuali esigenze del figlio;
2) il tenore di vita goduto dal figlio in costanza di convivenza con entrambi i genitori;
3) i tempi di permanenza presso ciascun genitore;
4) le risorse economiche di entrambi i genitori
5) la valenza economica dei compiti domestici e di cura assunti da ciascun genitore.

L’assegno è automaticamente adeguato agli indici ISTAT in difetto di altro parametro indicato dalle parti o dal giudice.
Ove le informazioni di carattere economico fornite dai genitori non risultino sufficientemente documentate, il giudice dispone un accertamento della polizia tributaria sui redditi e sui beni oggetto della contestazione, anche se intestati a soggetti diversi
“.

Con l’attuale normativa, quindi, la custodia dei figli è prioritariamente attribuita sia al padre che alla madre. In verità l’innovazione è più che altro una innovazione di principio. Nella pratica poco è cambiato rispetto alla precedente normativa (affidamento ad uno dei due coniugi), poiché i figli vivono per lo più con un solo genitore e quindi la custodia dell’altro appare più che altro simbolica.

L’art. 155 menziona anche la potestà genitoriale, che consiste nel poter assumere decisioni su ciò che riguarda i figli. La potestà genitoriale è esercitata da entrambi i genitori, ciascuno dei quali potrà assumere le decisioni “di ordinaria amministrazione “sulla gestione dei figli disgiuntamente dall’altro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

  1. Egr. Avv mio figlio si sposerà questa estate ed è proprietario al 100 % della casa in cui andrà a vivere , vorrei cercare di prevenire tutti gli incovenienti che ho dovuto sopportare io durante la separazione, fra cui quello di abbandonare la casa, mi chiedevo se è possibile fare qualcosa preventivamente al matrimonio per aiutare in caso di separazione a non perdere almeno la casa in cui vive
    grazie

    • una domanda da porre, mi trovo dall’altro versante con un ex marito che si è sempre dato “latitante” per mantenimento e per affetti, lavorando a nero e formandosi altra dfamiglia. Quindi “poverini” i padri! e che dire delle madri che per non coinvolgere i figli, in battaglie” affettive si ritrovano a combattere da sole su tutte i fronti? mi facciano il piacere quei “poverini” che piangono facendosi strada e godendosi la vita con soldi “a nero” e priva di preoccupazioni, in più si proclamano maltrattati?. e se oggi, uno dei loro figli, maggiorenne ed ancora sostenuto dalla madre , vuole rivalersi sul “poverino” come viene giudicato? ma mi facciano il piacere i “poverini”!!!!!che hanno e trovano sempre le loro vie d’uscita con i loro lacrimoni.

  2. informazione molto chiara. Gradirei anche, se possibile, sapere quanto può costare approssimativamente una pratica legale per separazione.Ringrazio sentitamente.

    • Il costo dipende, in primo luogo, dal tipo di separazione, consensuale oppure giudiziale; nel primo caso i costi si riducono notevolmente. Il costo dipende, inoltre, dalla complessità o meno delle condizioni di separazionie

  3. Nel mio caso, l’appartamento è al 50% tra me e mio marito.
    Nella separazione consensuale, pero’, la casa è stata affidata a me in quanto madre di un bimbo di 6 anni.
    Da qualche mese, da me è venuto a vivere il mio attuale compagno, padre anch’esso di un bimbo di 10 anni, che pero’ vive con la sua mamma.
    Ora mi chiede di comprargli la metà della casa, perchè dice che abitandoci il mio compagno subentra il MORE UXORIO, quindi mi decadrebbe l’assegnazione della casa e pure l’assegno famigliare!
    Quanto c’è di vero in quello che dice?
    Ringrazio anticipatamente
    Tes

  4. cosa si intende per “abitare stabilmente” la casa coniugale affidata nel caso di prole???…..l’affidataria può assentarsi la mattina e far rientro la sera inoltrata ,anche se,per lavoro??…..ciò può determinare la revoca dell’assegnazione?

  5. Sono proprietario al 100% dell’appartamento in cui vivo attualmente da separato in casa con mia moglie.
    Abbiamo un figlio di 13 anni.
    Mia moglie ha deciso di interrompere il nostro rapporto coniugale.
    In caso di separazione con affido congiunto del figlio
    a chi spetta l’uso dell’appartamento anche se di mia proprieta’?

    • L’appartamento ex casa coniugale viene solitamente assegnato al coniuge collocatario del figlio minore. Non rileva il titolo di proprietà: quindi se il figlio minore viene affidato congiuntamente ad entrambi i genitori, ma collocato presso la madre (significa che vive prevalentemente con questa) allora l’ex casa coniugale viene assegnata a quest’ultima anche se non è proprietaria dell’immobile.

  6. Egr. Avv appena separato, casa di mia propriete e di usufrutto di mio padre. ovviamente la casa è stata affidata alla madre, visto che abbiamo l’affido congiunto ma i figli stanno con lei. Vi è la possibilità di chiedere che i bambini continuno a stare nella stessa casa e noi genitori ogni 15 giorni ci diamo il turno nella stessa casa? questo per non turvare e per non fare diventare dei veri pacchi i figli.
    grazie

  7. Caro Massimo,
    comprendo lo sfogo e l’amarezza. Le ragioni per cui nella stragrande maggioranza dei casi sono gli uomini (in quanto genitori non collocatari dei figli minori) a dover lasciare la casa coniugale sono state spiegate: sono ragioni che attengono alla tutela della prole. Purtroppo molto spesso tutto ciò comporta un grosso sacrificio per i padri.

  8. E’ certamente possibile: se il mutuatario non paga le rate l’istituto mutuante può fare espropriare l’immobile su cui è stata accesa l’ipoteca a garanzia del mutuo. Cosa fare in questi casi? Se non è possibile trovare un accordo con la banca per il pagamento del debito si è costretti a subire l’espropriazione. Si tenga presente,comunque, che si tratta di una procedura piuttosto lunga, quindi il coniuge assegnatario dell’immobile, non proprietario, avrà certamente tutto il tempo per trovare un altro alloggio.